Otturazioni
4 Giugno 2016
Sbiancamento dentale
4 Giugno 2016
Show all

Endodonzia – Devitalizzazione denti

Terapia dell’endodonto: “amputare” il nervo per salvare il dente

Si occupa di curare lo spazio all’interno del dente (endodonto) che contiene la polpa dentaria costituita da cellule connettivali, arterie, vene e terminazioni nervose quando si presenti allo specialista ormai altamente deteriorato.

In caso di radici particolarmente infette, il paziente può manifestare anche gonfiore o ascesso. Si ricorre allaterapia endodontica se un’infiammazione della polpa (pulpite), o una lesione cariosa o traumatica al dente ha causato un logoramento profondo e irreversibile del tessuto pulpare (necrosi) oppure ancora quando l’elemento dentario è coinvolto in riabilitazioni protesiche che ne comportano una notevole riduzione, fino al raggiungimento della polpa.

Attraverso la cura canalare (o devitalizzazione) si rimuove la polpa infiammata ed infetta all’interno del dente (nervo dentale) e per tutta la lunghezza delle radici e, previa adeguata detersione, si esegue un’otturazione permanente con materiali specifici (biomateriali, strumenti in leghe speciali, guttapercha e cemento canalare).

Prima di procedere con la terapia medica, è fondamentale comunicare al medico allergie a farmaci o materiali (ad es. lattice, nichel, etc.), malattie (pregresse o in corso) ed un’eventuale gravidanza (presunta o in atto). E’ inoltre molto importante informare il dentista se si stanno assumendo farmaci per una qualsiasi altra cura, anche se “ritenuta non rilevante o attinente”.

Contattare le nostre sedi per una visita di controllo gratuita ora è ancora più facile: basta cliccare sul link “prenota ora” a fondo pagina!